Acquistare casa: arriva il Leasing Immobiliare

La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto tra le altre agevolazioni per acquistare casa il Leasing Immobiliare.
Si tratta di una realtà importante per le imprese, ma sconosciuta ai privati che fino ad oggi non hanno avuto alcuna convenienza economica e fiscale ad acquisire in leasing l’abitazione principale.
Secondo le stime, infatti, i possibili beneficiari dell’agevolazione fiscale potrebbero essere oltre un milione di contribuenti: 200.000 giovani tra i 25 e i 34 anni e oltre 830.000 i contribuenti con età superiore a 35 anni.

Leasing Immobiliare: chi può usufruirne

Possono usufruire del Leasing immobiliare abitativo tutti i soggetti con reddito non superiore a 55.000 euro, privi di abitazione principale che stipuleranno un contratto tra il 1 gennaio 2016 e il 31 dicembre 2020.
Per individuare la soglia di reddito si può far riferimento all’ultima dichiarazione dei redditi.

Leasing Immobiliare: quali sono i vantaggi fiscali

Si potranno portare in detrazione dalla dichiarazione dei redditi i costi del leasing “prima casa”.
Per i giovani sotto i 35 anni all’atto della stipula del contratto gli incentivi fiscali sono:

  • la detraibilità pari al 19% dei canoni di leasing (fino ad un importo massimo di 8 mila euro annui)
  • la detraibilità pari al 19% del prezzo del riscatto (fino ad un importo massimo di 20 mila euro)

Per i soggetti con età uguale o superiore a 35 anni sono:

  • la detraibilità pari al 19% dei canoni di leasing (fino ad un importo massimo di 4 mila euro annui)
  • la detraibilità pari al 19% del prezzo del riscatto (fino ad un importo massimo di 10 mila euro)

Sia per gli under 35 che per gli over 35, l’imposta di registro sull’acquisto dell’abitazione “prima casa” è ridotta all’ 1,5%.

Qui sotto trovate la guida completa fornita dal Ministero dell’Economia e delle Finanze

Guida Leasing Immobiliare

 

Vendete la vostra casa? 3 pratici consigli per valorizzare il vostro immobile.

Casa in vendita da valorizzare

Abbiamo messo in vendita la nostra casa, ma le foto non le rendono giustizia? I visitatori non ne comprendono il potenziale? Proviamo a renderla più appetibile con qualche piccolo escamotage .

I programmi che la TV ci trasmette, ci danno infiniti consigli,  gli americani hanno un loro stile nella compravendita, mostrano la casa ideale, da rivista, spolverata, sistemata, arredata finemente, a volte con mobili in affitto e spesso appena rinfrescata se non addirittura leggermente ristrutturata. Vendere una casa in condizioni impeccabili risulta sicuramente più semplice.

Ristrutturiamo?

Sistemare l’appartamento prima di mostrarlo è sempre un ottimo investimento, meglio evitare di mostrare perdite, crepe nel soffitto o altro se si vuole ottenere un buon prezzo dalla vendita, ma non è sicuramente necessario ribaltare la nostra casa per venderla.

Basterà mostrarne i lati migliori, soprattutto perché una ristrutturazione non è di certo economica. Teniamo a mente cosa cerchiamo noi quando guardiamo un appartamento e cerchiamo di ripeterlo quando mostriamo il nostro. Ricordiamoci che ogni stanza ha un suo uso e che è importante farlo notare anche a chi compra.

Da dove cominciamo?

Cominciamo con le grandi pulizie! Polvere, ragnatele e sporcizia non sono certo un invito alla compravendita, i nostri acquirenti sarebbero concentrati su questo più che sulle bellezze della nostra abitazione, niente piatti nel lavello, niente ragnatela irraggiungibile nell’angolo del soffitto e no alla polvere sui mobili, troviamo il tempo di pulire prima della visita

.igiene-cucina-10

Una volta pulito cominciamo a fare ordine. Sembrerà scontato, ma non lo è affatto. È vero che noi la casa la stiamo vivendo, probabilmente i nostri bambini studiano in giro e il nostro portatile è poggiato sul tavolino in salotto perché lo troviamo comodo, ma per chi cerca casa non è importante come noi viviamo, è importante sapere quale uso possono fare degli spazi e sapere che nel nostro appartamento di spazio ce n’è abbastanza per tutto.

blogdilifestyle_dd86ecbee0a9ba9f66164a08b781e366

Libri, vestiti, scarpe, detersivi, tutto deve avere un posto:

  • No ai panni stesi in giro per casa, né in bagno o in nessuna altra stanza della casa, evitiamoli anche in terrazzo, occuperebbero spazio che invece vogliamo far notare ai papabili acquirenti.
  • No anche ai panni da stirare, anche se non abbiamo avuto tempo di stirare e metterli a posto nascondiamoli in fondo ad un armadio per la grande visita, darebbero la sensazione di una casa in disordine.
  • No ai detersivi sul lavello, anche se li abbiamo appena usati per pulire rimettiamoli a posto, nascondiamoli sotto il lavello, facciamoli sparire!
  • No ai compiti in giro per casa

    , lo abbiamo già detto, ripetiamolo assieme tipo mantra, rimettiamo libri e giochi a posto prima della visita.

Togliamo tutto!

Abbiamo finito di pulire, sistemare e nascondere, ma la nostra casa non appare ancora al meglio? Siamo affezionati alle nostre piante, ai nostri libri, a tutti i nostri ninnoli, abbiamo anni di bomboniere e souvenir sparsi in giro per casa e tutto ha un significato e un immenso valore. Non dobbiamo buttare tutto, ma dobbiamo cercare di rendere la casa un po’ meno oppressiva. Prendiamo delle scatole e cominciamo a prepararci per il trasloco mettendo tutto a posto.

esterne030943390307094518_big

Non dobbiamo mostrare una casa fredda e spoglia, togliete di mezzo però la maggior parte delle cose, il surplus, l’eccesso, lasciamo il nostro tocco e il nostro calore cercando di far notare la casa e non i nostri ricordi.
parete-con-carta-da-parete

Sistemato tutto? Bene, diamo il via alle visite e in bocca al lupo!

Avete altri suggerimenti? Aspettiamo i vostri commenti!